Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Open

Serie A e B maschili al via nel fine settimana dopo un anno di stop

Articolo di Franco Longo - Foto Laura Fadanelli

Vincono Castellaro, Solferino, Sommacampagna e Arcene al tie break Castiglione – Guidizzolo, in B successo esterno della Cavrianese a Fontigo, ko interno per il Bardolino

Il tamburello open dopo un anno di stop causato dalla pandemia è ripartito nel fine settimana. Un segnale più che confortante per un totale ritorno alla normalità sia nello sport sia nella vita quotidiana. La prima giornata di serie A non ha regalato grandi sorprese. Rispettando in pieno i pronostici della vigilia, ottengono l'intera posta in palio Sommacampagna Castellaro, Solferino e Arcene. I veronesi rinforzatisi con gli innesti di Gabriel Weber, Federico Merighi e Stefano Previtali puntano al salto di qualità e hanno tutte le carte in regola per lottare per le posizioni di vertice. Vittima del team veronese guidato quest'anno in panchina da Gianpaolo Merighi, la mantovana Ceresara. Alla prima di campionato il team veronese ha confermato tutte le sue potenzialità. Il Ceresara non esce certo ridimensionato. La compagine mantovana ha dalla sua un organico ormai ben amalgamato.

I campioni d'Italia del Castellaro, pur trovando un Sabbionara molto combattivo si sono confermati squadra di ottimo livello in tutti i reparti. Facile intuire che anche quest'anno i mantovani reduci da un finale di stagione indoor non brillante hanno tutte le carte in regola per vincere, anche se le altre formazioni: Sommacampagna, Arcene e Solferino si sono ben rinforzate. Vittoria in scioltezza del Solferino che trafigge il Cremolino: 0-6, 0-6. Gli alessandrini erano privi di Daniele Ferrero, sostituito da Saverio Bottero, ma l'assenza di una giocatore, seppur di ottimo livello, non può certo essere considerata una valida attenuante per giustificare una sconfitta cosi netta. Zero giochi fatti nei due set, numeri che esprimono la netta supremazia dei mantovani che quest'anno hanno tutte le carte in regola per lottare contro qualsiasi avversario. Nel Solferino ottima prova del fondocampo, ma tutti si sono espressi al meglio. Efficace anche il mezzovolo Luca Marchidan e i terzini Walter Derada e Filippo Martinetto. Per i ragazzi di Antonio Surian un pomeriggio da cancellare al più presto possibile. Il Cremolino può fare molto di più, anche con squadre sulla carta più forti e complete.

Molto equilibrio nel derby virgiliano Castiglione – Guidizzolo. Le squadre hanno lottato e alla fine si sono suddivise la posta in palio. Un punto ai padroni di casa, due agli ospiti che dopo essere stati sconfitti nel primo set di gara si sono riscattati nel secondo, mandando la gara al tie break, dove si imponevano per 8-5. Nel primo set il Castiglione ha giocato decisamente bene, mentre nel secondo è apparso più in difficoltà. Il Guidizzolo approfittava del calo dei rivali che commettevano tanti errori. Stefano Tommasi e compagni arrivano a condurre fino al 4-0, il Castiglione cercava di rientrare in partita, ma riusciva a conquistare solo due giochi. Il secondo set vedeva Alessandro Fraccaro e compagni soccombere per 6-2.

Per i ragazzi di Tiberio Biagi due punti che fanno morale per il futuro. Il Castiglione ha qualità, ma deve giocare con più continuità nell'arco della gara. Alla prima giornata la condizione è apparsa da migliorare, ma dopo un anno di inattività il ritorno all'attività agonistica presenta parecchie difficoltà.

Il copione si ripeteva anche all'over time. Gli ospiti sbagliavano meno e alla fine ottenevano due punti, molto importanti per il morale. In casa Guidizzolo si voleva partire bene e l'obiettivo è stato raggiunto.

Grande equilibrio nei 40 pari (3-3). Il Castiglione ha in organico diversi nuovi elementi: Ivan Carletti, Paolo Foroni ed Elia Mazzi, giocatori che sapranno dare il loro contributo alla matricola mantovana diretta anche quest'anno in panchina da Eros Ruffoni.

Nella giornata di domenica l'Arcene si imponeva contro un buon Cavaion. I bergamaschi sono sembrati già in forma. I veronesi hanno giocato bene. Certo il Cavaion degli anni scorsi era tutt'altra squadra, ma anche quest'anno può prendersi qualche soddisfazione. La prestazione è stata confortante. La squadra è ridimensionata, ma può ambire a fare un buon campionato, come ci ha detto anche Alessandro Locatelli a fine gara. “Hanno giocato bene, sono una buona squadra e sapranno prendersi le loro soddisfazioni”

In B, successo esterno della Cavrianese che si imponeva sul campo del Fontigo: 1-6, 3-6. I trevigiani riuscivano a contrastare il team mantovano nei primi tre giochi, dove per ben due volte si arrivava sul 40 pari. Il gioco se lo aggiudicavano in entrambe le circostanze i virgiliani che si portavano sul 2-1 e poi con un parziale di 4-0 chiudono il primo set. Più equilibrato il secondo con le squadre avanti a fare un gioco a testa fino: 1-1, 2-2, 3-3, poi i mantovani non lasciavano più nulla al team di Mirko Piazza. Esordio molto convincente del Ciserano che con una buona prestazione mette ko il Bardolino. Nei lacustri è uscito subito Franco Zeni non al meglio. Il ko dei ragazzi di Sergio Zantedeschi è sicuramente il risultato più clamoroso della giornata.

Parte bene anche il Palazzolo che si impone in entrambi i set contro il Capriano del Colle, con il punteggio finale di 6-3. Il Capriano del Colle ha fatto soffrire i veronesi, ma quando è andato in vantaggio è sempre calato consentendo ad Andrea Carletti e compagni di poter rimontare. In casa Capriano del Colle ci sarà molto da lavorare su questo aspetto.

Successo esterno anche per il Bonate che fa suo il derby lombardo contro la mantovana Cereta. Nel primo set il Bonate arrivava a condurre fino al 5-2, ma non riusciva a dare il colpo di grazia ai rivali, bravi a riportarsi in parità sul 5-5. Il team orobico faceva il sesto gioco ottenendo comunque una vittoria: 6-5, decismanete sofferta per come si era messa la gara.

Il Valle San Felice viene nettamente sconfitto dal Monte nel primo set: 6-1, mentre nel secondo lotta e si deve arrendere per 6-5. Nel finale di primo set sul 4-0 nel Valle San Felice fuori Davide Beltrami, rimpiazzato da Amedeo Cattoi. Remo Fiorini direttore tecnico del Valle San Felice commenta cosi la sconfitta “Ci dispiace non essere riusciti a portare via punti, comunque sono soddisfatto. Siamo alla prima giornata e con il lavoro miglioreremo”.

Nella giornata di domenica in campo il derby lombardo Castelli Calepio – Malavicina terminato con il successo dei bergamaschi, anche se il Malavicina non ha demeritato affatto. La prima giornata si è disputata a porte chiuse. Si attendono ulteriori miglioramenti per rivedere il pubblico negli sferisteri.

 

Risultati Serie A: 1° giornata

Castellaro – Sabbionara 6-2, 6-1; Sommacampagna – Ceresara 6-1, 6-3; Castiglione – Guidizzolo 6-3, 2-6 (tb 5-8); Arcene – Cavaion 6-2, 6-1; Cremolino – Solferino 0-6, 0-6.

Classifica: Castellaro, Arcene, Solferino e Sommacampagna 3, Guidizzolo 2, Castiglione 1, Sabbionara, Cavaion, Cremolino, Tuenno e Ceresara 0. Tuenno una partita in meno.

 

Risultati Serie B: 1°giornata

Fontigo – Cavrianese 1-6, 3-6; Bardolino – Ciserano 4-6, 3-6; Capriano del Colle – Palazzolo 3-6, 3-6; Cereta – Bonate 5-6, 2-6; Monte – Valle San Felice 6-1, 6-5; Castelli Calepio- Malavicina 6-5, 6-1;

Classifica: Cavrianese, Palazzolo, Castelli Calepio, Monte Ciserano e Bonate 3, Fontigo, Valle San Felice, Capriano del Colle, Malavicina, Cereta e Bardolino 0.