Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Indoor

XXVI COPPA EUROPA INDOOR A MOITA (PORTOGALLO) VENERDI’ 25, SABATO 26 E DOMENICA 27 GENNAIO

Locandina Coppa Europa Indoor 2019

 

COPPA EUROPA INDOOR PER SQUADRE DI CLUB A MOITA (PORTOGALLO)

IN CAMPO MONALESE E SANTA GIUSTA NEL FEMMINILE

MARCO E MEZZOLOMBARDO NEL MASCHILE

 

TREDICI TEAM NEL MASCHILE, UNDICI NEL FEMMINILE

 

A LES PENNES MIRABEAU NEL 2018 TITOLI A COURNONTERRAL (Maschile) E SABBIONARA TRENTINO TEAM (Femminile)

LE TRENTINE NON DIFENDERANNO IL TROFEO

 

di Giovanni Crosato


Sarà Moita, città portoghese nei pressi di Lisbona, situato nel distretto di Setubal, il teatro della XXVI edizione della Coppa Europa Indoor maschile e femminile per squadre di Club, organizzata per la prima volta, su mandato della Federation Internationale de Balle au Tambourin, in Portogallo, dalla locale società AMBN Moita.

Detentrici del titolo Europeo 2018, assegnati in terra francese a Les Pennes Mirabeau, sono nel maschile i francesi del Cournonterralais e nel femminile il Sabbionara Trentino Team, che quest’anno non potrà difendere il Trofeo, ben sei consecutivi a partire dal 2012, in quanto non iscritta ai Campionati 2019.

Palcoscenico della manifestazione saranno tre Palazzetti tutti nella città portoghese: Pavilhano Desportivo Municipal, Escola Seundaria da Moita e Escola Basica D Pedro II Moita.

A difendere i colori azzurri troviamo nel maschile le trentine Marco e Mezzolombardo; nel femminile l’astigiana Poliportiva Monalese e la sarda Aeden Santa Giusta.

Tredici le compagini al via nel maschile e undici nel femminile, con un incremento in entrambe rispetto alla passata stagione.

Nel maschile squadre suddivise in quattro gironi, uno da quattro e tre da tre; nel girone A troviamo i francesi del Cournonterralais, detentori della Coppa, gli ungheresi del Buadorsi, gli spagnoli di Granada e i padroni di casa del Moita; nel girone B i francesi del Florensac, i tedeschi del Colonia e gli spagnoli del Madrid, nel girone C i catalani dell’INEF Marina, gli azzurri del Marco e gli inglesi dell’Oxford Tamburello; nel girone D i catalani del Barcellona BTC, il Mezzolombardo e i tedeschi del Fallerslben.

Nel femminile sono invece due i gironi da quattro e uno da tre; nel girone A abbiamo la Monalese, opposta alle tedesche del Dresda Lobtau, alle catalane del Farola e alle ungheresi del Budaorsi; nel girone B l’Aeden Santa Giusta che affronta le francesi del Poussan, le inglesi dell’Oxford Tamburello e le locali del Moita; nel girone C le francesi del Paulhan, le tedesche del Dresda Sachsenwerk e le catalane del Cet Maresme.

Nel maschile si qualificheranno ai quarti di finale le prime due classificate di ogni girone, mentre nel femminile passaggio ai quarti di finale per le prime due di ogni girone e per le due migliori terze.

Denso il programma nel corso del weekend, con il via dei gironi di qualificazione nella mattinata di venerdì e con conclusione sabato. Nel pomeriggio il via ai quarti di finale maschili e femminili e ai primi incontri per le classificazioni di rincalzo. Domenica mattina poi le semifinali maschili e femminili e a chiudere finali per il terzo posto e finalissime per l’assegnazione della XXVI edizione della Coppa Europa, che si disputeranno presso il Pavilhano Desportivo Municipal.

L’edizione 2019 sarà la ventiseiesima della Coppa Europa e nell’Albo d’Oro spicca il predominio azzurro, con sedici vittorie maschili (nel ’93, ’95, 97, 98 e 2011 e 2015 della ravennate Fulgur Bagnacavallo; nel ’96, 2002, 2003, 2005, 2007 e 2012 del Ragusa; nel 2008, 2009 e 2016 della mantovana Ennio Guerra Castellaro, nel 2000 della trentina Tuenno,) e diciassette femminili (nel ’96, ’97, ’98, ’99 della cosentina Acli Luigi Bruno, nel 2002 dell’ ASST Bergamo, nel 2003 del Curno Bergamo, nel 2005 della trentina Aldeno, nel 2008 e nel 2015 della oristanese Aeden Santa Giusta, nel 2010 e 2011 del San Paolo d’Argon e nel 2012, 2013, 2014, 2016, 2017 e 2018 dal Sabbionara Trentino Team).

En plein sono stati negli anni registrati solo da formazioni azzurre e dai francesi: azzurre nel 1996 (Ragusa e Bruno Cosenza), ’97 e ‘98 (Fulgur Bagnacavallo e Bruno Cosenza), 2001 (Ragusa e Bergamo), 2002 (Ragusa e Curno), 2005 (Ragusa e Aldeno) e 2008 (Castellaro e Aeden Santa Giusta), 2011 (Fulgur Bagnacavallo e San Paolo d’Argon), 2015 (Fulgur Bagnacavallo e Aeden Santa Giusta) e 2016 (Castellaro e Sabbionara Trentino Team); francesi nel 1994 (Cournonterral e Cournonterral), 2004 e 2006 (Poussan e Poussan).

Il Programma CLICCA QUI