Specialità

logo-frc

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

D39DE383 8357 471F A449 FBDBEE4BD959

A MADONE (Bergamo) LA XVII EDIZIONE

 

NEL FEMMINILE DOMINA SABBIONARA, MONALESE KO IN FINALE

 

NEL MASCHILE TRIONFA IL MEZZOLOMBARDO, ARCENE CEDE NELL’EPILOGO

 

SERIE B FEMMINILE

A PADOVA

ULTIMO TURNO PER IL GIRONE NORD EST

di Giovanni Crosato

Si è disputata nel weekend a Madone, in Provincia di Bergamo, presso il locale Palazzetto dello Sport, la XVII edizione della Coppa Italia indoor, manifestazione organizzata dalla Federazione Italiana Palla Tamburello, in collaborazione con il Comitato provinciale di Bergamo, guidato da Gerolamo Testa.

A contendersi la coppa nel femminile sono state le fresche e confermate campionesse d’Italia e d’Europa del Sabbionara Trentino Team, nonché detentrici del Trofeo, l’astigiana Monalese, reduce dal secondo posto ottenuto nelle finali nazionali del campionato disputate a Lavis quindici giorni fa, le sarde dell’Aeden Santa Giusta e le altre trentine del Nave San Rocco.

Nel maschile, dopo l’edizione 2017 non disputata a Rovereto, vista la mancata iscrizione alla stagione 2018 delle squadre aventi diritto, in campo i campioni d’Italia dell’Arcene e il Marco, assieme ai vincitori del titolo italiano di serie B, traguardo raggiunto a Valeggio sul Mincio, del Mezzolombardo e ancora una trentina, il Patone, classificatosi al secondo posto.

Nel pomeriggio di sabato le semifinali con ad aprire le ostilità nel maschile Marco-Mezzolombardo, incontro che ha visto la compagine campione d’Italia di serie B imporsi sui vicini di casa. A seguire la vittoria dei tricolori di serie A dell’Arcene sul Patone. Nel femminile netto il successo della Monalese sull’Aeden Santa Giusta e del Sabbionara sul Nave San Rocco.

Nella mattinata di domenica le finali, con nel femminile la conferma del Sabbionara Trentino Team sulla Monalese, proprio come nella finale scudetto e quindi le trentine a portare a casa la nona Coppa Italia della loro storia, la sesta consecutiva, a conferma del dominio assoluto della compagine del Presidente Loris Fumanelli in campo italiano e europeo nell’indoor. A seguire la sorpresa Mezzolombardo che nel maschile si è imposta nettamente sull’Arcene 13-6, bissando così il successo nella finale del titolo italiano di serie B ottenuta quindici giorni prima a Valeggio sul Mincio sul Patone. Ciliegina sulla torta quindi ad un’ottima stagione per il team del Presidente Nicola Merlo che ottiene un successo davvero prestigioso.

Al termine dell’incontro si sono svolte le premiazioni, alla presenza del Presidente federale Edoardo Facchetti, del vice Flavio Ubiali, del Presidente del Comitato provinciale di Bergamo Gerolamo Testa, del Consigliere Regionale Lara Magoni.

Nell’Albo d’Oro femminile dominio assoluto con nove i titoli conquistatati per il Sabbionara Trentino Team (2008-2010-2011-2013-2014-2015-2016-2017 e 2018),  quattro i titoli conquistati dall’Acli Bruno Cosenza (1995-2003-2004-2005), tre per il Paolo Campora Ovada (2006-2009-2012) e uno per l’Aeden Santa Giusta (2007).

In quello maschile guida ill Ragusa con sei vittorie (1995-2003-2004-2005-2009-2014), segue la mantovana Castellaro a quota cinque (2006-2007-2008-2015 e 2016), poi la Fulgur Bagnacavallo (2010-2011-2012) con tre e il Noarna (2013) e il Mezzolombardo (2018) con una. Come detto in precedenza, non assegnato il 2017.

A Padova, presso il Palazzetto San Domenico Savio, ultima giornata per il girone nord est della serie cadetta femminile dove si sono trovate di fronte la squadra locale del Tambueo Padova, la mantovana Ceresara, leader del girone, la trentina Segno, seconda a tre lunghezze, e la veronese Valgatara.

Era ancora in palio la prima posizione con il Segno che si è impegnato e non poco a mettere il bastone tra le ruote alle mantovane, che guidavano la graduatoria. Esordio per il Ceresara che senza difficoltà si imponeva sul Padova, stesso discorso per il Segno a seguire sul Valgatara. Bene poi le veronesi sul Padova e a chiudere lo scontro al vertice che vedeva il Segno imporsi per 13-10 sul Ceresara, che per differenza giochi manteneva la prima posizione.

Il prossimo weekend, in provincia di Mantova e Verona, che diventerà il centro del tamburello indoor, si disputeranno le finali nazionali giovanili, presso il Palazzetto dello Sport di Valeggio sul Mincio e le palestre di Goito, nelle categorie giovanissimi, allievi e juniores maschile e femminile.

Risultati

Coppa Italia - Madone (Bergamo)

Sabato 3 marzo ore 15.30

Marzo-Mezzolombardo (maschile) 6-13

Arcene-Patone (maschile) 13-7

Monalese-Aeden Santa Giusta (femminile) 13-2

Sabbionara-Nave San Rocco (femminile) 13-4

Domenica 4 marzo

Finale femminile – Sabbionara-Monalese 13-4

Finale maschile – Mezzolombardo-Arcene 13-6

Serie B femminile

Girone Nord Est – Padova – domenica 4 marzo ore 9.45

Padova-Ceresara 2-13

Segno-Valgatara 13-1

Padova-Valgatara 9-13

Ceresara-Segno 10-12

Classifica: Ceresara e Segno p.20, Tuenno p.11, Valgatara p.9, Padova p.0