Specialità

logo-frc

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

SUO LO SCUDETTO DELLA STAGIONE 2009/2010

FEMMINILE: L'ORISTANESE AEDEN SANTA GIUSTA BATTE ITRI E VOLA IN FINALE

RISULTATI girone maschile: Fulgur Bagnacavallo-Ragusa 13-4, Castellaro-Baracca Lugo 13-0, Castellaro-Fulgur Bagnacavallo 4-13, Baracca Lugo-Ragusa 0-13, Castellaro-Ragusa 4-13.

Classifica: Fulgur Bagnacavallo p. 33, Ragusa p. 26, Baracca Lugo p. 17, Tamburello Cosenza e Castellaro p. 13, Scicli p. 3, Alfa Tamburello Villaricca p. 0. 

Arbitri: Gianpaolo Arduini, Attilia Bonini, Giovanni Bonini, Angelo Scalogna, Francesco Vicari.

RISULTATO GIRONE FEMMINILE CENTRO SUD: Aeden Santa Giusta-Itri 13-7

Arbitri:  Giuseppe Affinito, Giuseppe Pontillo, Diego Libonati.

Così le squadre in campo

Aeden Santa Giusta (Oristano): Ilaria Garau, Valeria Cadoni, Alessandra Sanna, Giulia Marino, Barbara Spinelli; DT Gianni Dessì.

Polisportiva Itri (Latina): Gabriella Tamburrino, Valentina Ialongo, Keiry Nunez Sanchez, Fatou Diop; DT Giuseppe Paparello.

Luogo di svolgimento della manifestazioneItri (Latina) Pallone Geodetico.

 

Sul parquet di Guidizzolo (Mantova), la Fulgur Bagnacavallo ha meritatamente conquistato ieri, con un turno di anticipo, il XXIV scudetto maschile della specialità. Il Ragusa, campione d’Italia uscente, conquista il secondo posto; alle loro spalle l’altra ravennate Baracca Lugo.

Nel girone femminile sul parquet di Itri (Latina) la Aeden Santa Giusta supera oggi l’Itri e guadagna l’accesso alle finali nazionali, in calendario il 28 febbraio (andata) e 7 marzo (ritorno) ad Itri.

IL COMMENTO

21 febbraio – Si conclude con un turno d’anticipo l’avventura-scudetto della ventiquattresima edizione del Campionato italiano indoor maschile. A scrivere la parola fine alla kermesse che ha avvinto dal 22 novembre dello scorso anno, facendo vivere ad appassionati e spettatori le grandi emozioni dello Sport, la ravennate Fulgur Bagnacavallo, che con una straordinaria performance ha concluso imbattuta il campionato.

L’ultima impresa vittoriosa, decisiva, sul Ragusa, campione d’Italia uscente, sul mantovano parquet di Guidizzolo.

Non è stata una partita di grande spettacolo, piuttosto un incontro  in cui la parte del leone l’ha fatta il nervosismo, tanto alta era la posta in gioco; ed è qui che è venuta fuori la grande Fulgur, che ha saputo dominare meglio degli avversari le proprie emozioni, trascinata al successo da uno straordinario Luca Baldini, che ha saputo infondere ai suoi compagni la serenità necessaria per raggiungere il traguardo; da parte sua Il Ragusa, malgrado sia squadra di grande esperienza, non è mai entrato in partita, cedendo così redini e risultato dell’incontro agli avversari.

Assente il Baracco Lugo, a senso unico e secondo pronostico gli altri incontri, che alle due vedettes ha visto contrapposto il Castellaro, in campo con una formazione di giovani.

Domenica la giornata conclusiva vedrà di fronte Castellaro e Alfa Tamburello Villaricca: vincendo – la bilancia pende verso questo risultato - i castellaresi si aggiudicherebbero la quarta posizione, lasciando così la coabitazione che attualmente li vede appaiati al Cosenza; nulla cambierebbe invece per i partenopei, che resterebbero comunque in coda alla classifica, sia da soli in caso di sconfitta o di divisione della posta, sia appaiati alla siciliana Scicli in caso di vittoria piena.

L’albo d’oro del campionato maschile si apre nel 1987 con la vittoria del Ragusa, Società che replica altre dieci volte – nel 1992, 94, ’96, dal 2001 al 2006 ed infine nel 2009 - il successo nel massimo campionato; seguono la ravennate Fulgur Bagnacavallo con quattro (società diversa dall’attuale, che reca lo stesso nome, che vince nel 1993, ’95, ’97, ’98 ); le mantovane Ennio Guerra Castellaro (2007 e 2008), Ceresara (1988 e ’90) e la trentina Tuenno (1999 e 2000) con due; il Tamburello Cosenza con una (1989).

Girone femminile centro

Superando l’Itri, in un incontro bello e combattuto che, aldilà del punteggio, mostra evidente la supremazia della squadra sarda, l’oristanese Aeden Santa Giusta (nell’albo d’oro un titolo italiano ed uno europeo) si qualifica alle finali nazionali, in calendario (andata) il 28 febbraio e (ritorno) il 7 marzo.

(A differenza del campionato maschile, organizzato su un girone unico nazionale con incontri di andata-ritorno e assegnazione dello scudetto al termine delle dodici giornate, quello femminile ha avuto un’articolazione su più gironi, con qualificazione delle prime classificate alle finali nazionali).

per ulteriori informazioni: 

F.I.P.T. - SEGRETERIA COMMISSIONE INDOOR

Maurizio Pecora - 06/36854137 – 06/36854134 - 339/8900989; e-mailQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.