Specialità

logo-frc

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Premiazione squadre foto MOSNA 4772 17

 

 Fotogallery

Foto di Remo Mosna

 

di Giovanni Crosato

 

Si sono svolte nel pomeriggio di sabato 13 febbraio 2016, presso la Sala Lonardi di San Pietro in Cariano, le premiazioni delle squadre Campioni d’Italia 2015.

Ad aprire la tradizionale cerimonia annuale, condotta da Maurizio Pecora – con il Presidente del Comitato Provinciale Fipt di Verona Luigi Baruffi che assieme al suo staff ha fortemente voluto che le premiazioni si svolgessero nella sua provincia a fare gli onori di casa - il saluto delle autorità presenti, a partire dal sindaco di San Pietro in Cariano Giorgio Accordini, dal consigliere provinciale e assessore allo sport di San Pietro in Cariano Mauro Carradori, dall’Assessore dello Sport del Comune di Verona Alberto Bozza, dal Presidente del CONI Regionale Veneto Gianfranco Bardelle, dal Delegato provinciale CONI di Verona Stefano Gnesato, dal Delegato provinciale CONI di Trento Giorgio Torgler, dal Presidente della Associazione Italiana Calciatori Damiano Tommasi, appassionato e amico del nostro del sport, dai diversi sindaci e assessori allo sport dei comuni presenti. E’ seguito poi un breve excursus sull’annata sportiva 2015 da parte del Presidente Emilio Crosato. Presenti oltre ai massimi dirigenti Fipt, impegnati dalla mattinata nel Consiglio federale, numerosi presidenti di Comitati Provinciali e Regionali.

Per la specialità Open maschile scudetto di serie A al Cavaion Monte (Verona), mattatore della stagione, avendo portato a casa tutto quanto si poteva vincere: Coppa Europa in terra francese a Cournonterral, scudetto a Noarna, Coppa Italia proprio a San Pietro in Cariano e Supercoppa a Capriano del Colle. Serie cadetta al Castiglione, mentre Coppa Italia e Supercoppa sono andate al Ciserano; società mantovana che ha portato a casa anche il titolo di serie C, mentre la serie D è rimasta in terra bergamasca finendo a Torre de Roveri. Nel femminile massimo titolo al Sabbionara Trentino Team (Trento), al suo quinto consecutivo, trentine che hanno fatto loro anche la Supercoppa, mentre Coppa Europa e Coppa Italia sono andate all’Alegra Settime. Sempre in terra trentina anche il titolo di serie B con la vittoria del Mezzolombardo, mentre la Coppa Italia e la Supercoppa sono state conquistate dalla Monalese. Per le Rappresentative regionali Master, scudetto al Veneto.

Categorie giovanili maschili al Cereta (Mantova) negli juniores, al Valle San Felice (Trento) negli allievi e al Noarna (Trento) nei giovanissimi. Nel femminile Nave San Rocco (Trento) nelle juniores, Monalese (Asti) nelle allieve e Segno (Trento) nelle giovanissime.

Serie A indoor maschile al Castellaro (Mantova), sua anche la Coppa Italia, mentre la Supercoppa è andata alla Monalese (Asti); femminile ancora al Sabbionara Trentino Team, con en plein anche in Coppa Italia e Supercoppa. Serie B maschile alla Tigliolese (Asti) e serie C alla Fulgur Bagnacavallo (Ravenna). Nel femminile serie cadetta al Mezzolombardo (Trento) e serie C alla Tigliolese (Asti).

Nelle categorie giovanili titolo juniores al Segno (Trento), allievi al Chiusano di Asti e giovanissimi ancora al Noarna (Trento). Femminile con titoli al Nave San Rocco (Trento) nelle juniores, alla Monalese (Asti) nelle allieve e al Segno (Trento) nelle giovanissime.

Premiata anche la specialità del Muro con scudetto di serie A al Grazzano Badoglio (Asti) nel maschile e alla Pieese (Asti) nel femminile. Titoli delle serie inferiori alla neonata Ovada In Sport (Alessandria) in serie B maschile, alla Tigliolese (Asti) in serie B femminile, alla Fulgur Bagnacavallo (Ravenna) in serie C maschile, alla Pallonistica Monferrina la serie D maschile.

Giovanili maschili al Segno (Trento) negli juniores, alla Torrione di Portacomaro (Asti) negli allievi e al Noarna nei giovanissimi. La società trentina porta così a casa tutti i titoli giovanissimi nelle tre specialità.

A chiudere il Tambeach con scudetti che rimangono in terra siciliana: singolo maschile a Giorgio Licitra (Caucana Tambeach) e femminile a Alessandra Attinelli (Cava d’Aliga Tambeach); doppio maschile alla coppia Andrea e Giorgio Licitra (Caucana Tambeach) e Alessandra Attinelli e Marta Arrabito (Caucana Tambeach) nel femminile; titolo di doppio misto a Salvatore Occhipinti e Alessandra Attinelli (Cava d’Aliga Tambeach - Caucana Tambeach).

Primi titoli assegnati anche nel Tambeach Funny, che sfrutta le misure dei campi presenti su tutte le spiagge, ridotte rispetto al normale Tambeach, con scudetti a Luca De Zambotti e Graziano Perottoni del Nave San Rocco (Trento) nel doppio maschile, a Romina Boscolo e Vanna Pregnolato del Lions Chioggia (Venezia) nel doppio femminile e a Domenica Celestre e José Maria La Cagnina (Cava d’Aliga Tambeach) nel doppio misto.

Nel corso delle premiazioni è stata anche consegnata una targa di ricordo a tre società che hanno festeggiato il quarantesimo anniversario dalla fondazione: ASD Bardolino, ASD Sacca e ST Faedo.

Cinquantesimo anniversario invece, con conseguenza di una targa di benemerenza, per l’ASD Grazzano Badoglio, che ha coronata nel migliore dei modi il 2015 con la conquista del decimo scudetto di serie A a Muro.

Al termine un rinfresco, offerto dal Comitato FIPT di Verona e Maistri Asso, per tutte le squadre premiate, assieme ad autorità, dirigenti e atleti e l’augurio per un ottimo 2016 per il nostro sport.