Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Articolo di Franco Longo - Foto ASD US Segno

Il Segno ha conquistato domenica pomeriggio al palazzetto dello sport di Guidizzolo (Mantova) lo scudetto di juniores femminile. Le trentine hanno avuto la meglio in semifinale contro la bergamasca Bonate e in finale contro il Valgatara. Anita Coccia e compagne in semifinale avevano estromesso la Pieese. Il direttore tecnico del Segno Mauro Magnani commenta il titolo conquistato. “Abbiamo sofferto, ma devo dire che le nostre avversarie sono di ottimo livello”. Per questo motivo, questo scudetto ci rende ancora più orgogliosi.” Il tamburello femminile giovanile sta facendo crescere atlete di grandi potenzialità. Non si sottrae al rilasciare dichiarazioni il patron del Segno Claudio Chini che afferma quanto segue. “Per ottenere dei risultati serve coraggio e noi ne abbiamo avuto, perchè nonostante il periodo difficile siamo andati avanti rispettando sempre tutti i protocolli di sicurezza. Molte società hanno preferito fermarsi e questo non aiuta. Il patron del Segno nel suo discorso fa riferimento a Paolo Borsellino, una figura esemplare che di coraggio ne ha avuto tanto per vedere il trionfo della legalità, il tutto fino al tragico giorno del 19 luglio 1992, quando fu assassinato in via D'Amelio a Palermo.

Il Valgatara chiude al secondo posto, ma con la certezza di essere in netta crescita. La squadra nella gara contro la Pieese dopo un avvio in equilibrio: 1-1, 2-2, 3-3 ha preso le misure lasciando ben poco alle rivali astigiane. Anche contro il Segno le atlete di Leonardo Lavagnoli hanno fatto vedere tanta qualità, rimontando uno svantaggio di 6-3 fino al 6-6. Alla fine il Segno è riuscito a imporsi con la sua maggiore esperienza. Il direttore tecnico Leonardo Lavagnoli ha commentato con soddisfazione il secondo posto raggiunto. “Stiamo lavorando bene, i progressi si notano. Come società siamo davvero soddisfatti del lavoro fatto e della serietà e della costanza che le ragazze mettono sia in partita sia in allenamento.” Una menzione la merita anche il Bonate Sotto. Le atlete allenate dal direttore tecnico Pierangelo Lego si sono ben comportate e hanno tutte le carte in regola per ben figurare in futuro. Al termine delle gare le premiazioni.

Risultati Femminile: 

Bonate Sotto – Segno 5-13

Pieese – Valgatara 6-13

Finale: Segno – Valgatara 13-7