Specialità

logo-frc

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

IMG 1156

 

Venerdì 2 e sabato 3 giugno il tamburello si è voluto ritrovare a Corte Salvi, in località San Massimo di Verona per ricordare Flavio Bertagnoli, ex giocatore di Salvi, Santa Maria Pia Bussolengo, Negrar e Treia, prematuramente scomparso all’età di 58 anni.

Flavio Bertagnoli ha lasciato così la moglie Stefania e tre figli.

Nella due giorni è stato organizzato il terzo torneo Flavio Bertagnoli, soprannominato “Bomba”. Renzo Tommasi e Salvatore Biasi, detto Tore hanno voluto ricordare, Flavio Bertagnoli, come una persona molto sensibile che metteva l’anima in tutto quello che faceva. Il Torneo è stato caratterizzato da incontri sia nella giornata di venerdì, sia in quella di sabato.

Quest’anno hanno preso parte anche giocatrici di serie A femminile, divise in due squadre che si sono affrontate con la durata massima di 1 ora e 45’ (stabilità dal regolamento). Queste le atlete che hanno partecipato: per quanto riguarda la squadra bianca Jessica Gozzelino, Beatrice Zeni, Eleonora Gariglio, Antonella Negro, Sofia Bussola, Martina Nicolis e Giulia Sperotto, che proprio nella giornata di sabato ha compiuto 27 anni. La squadra rosa, invece, era così composta: Cecilia Dellavalle, Silvia Gozzelino, Stefania Scaiola, Gaia Zai, Chiara Morellato, Martina Mazzucchetti, Chiara Zeni. La gara del femminile ha visto la squadra in maglia rosa vincere per 14-9 contro la squadra in maglia bianca.

In campo maschile ha conquistato il terzo posto il Salvi Rossetto, piazza d’onore per il Salvi Arpas e prima classificata l’A.T. Salvi.

Ottima l’organizzazione dell’evento da parte della società Salvi che ha visto non solo un successo sportivo ma anche anche aggregativo dove ha vinto l’associazionismo e lo stare insieme, valori fondamentali dello sport.

A concludere il weekend di incontri si sono svolte le premiazioni.