Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Federazione

"Stupor Noctis" di Jesi presenziato dal Presidente del Comitato Regionale FIPT Lombardia

images/News_2020/Enzo_Cartapati_e_la_vicepresidente_Carla_Saveri.jpg

Sabato 5 settembre 2020 il presidente del Comitato Regionale FIPT della Lombardia e della Commissione Storia e Documentazione della stessa FIPT ha presenziato l'evento tenutosi a Jesi (AN), nel cortile del Museo Federico II "Stupor Mundi", nell'ambito delle manifestazioni denominate - parafrasando l'epiteto di Federico II - "Stupor Noctis" e dal titolo "Origini storiche delle balette".

A tale incontro, organizzato e condotto dalla vulcanica Carla Saveri, vicepresidente del Club delle Balette, Cartapati era stato invitato nella sua qualità di presidente della Commissione Storia e Documentazione della FIPT, su segnalazione del professor Ugo Bazzotti che nel 2014 aveva partecipato al Convegno sulle balette tenutosi presso il Palazzo Pianetti di Jesi, in quello stesso anno dichiarata Città Europea dello Sport. 

Alla serata hanno partecipato numerose personalità importanti dello sport italiano quali la bolognese Milena Naldi che, assieme a Gianni Clerici, ha scritto il libro "Il tennis nell'arte", il milanese Luca Bottazzi, ex tennista e commentatore televisivo, la torinese Alessandra Castellani Torta, vicepresidente dell'Accademia Sant'Uberto, studiosa e autrice di diverse pubblicazioni sui giochi della palla e sui campi chiamati "trincotti" dove gli stessi si tenevano in Piemonte al tempo dei Savoia.

Il collezionista e artigiano jesino Pietro Barsotti ha illustrato la composizione e le modalità di fabbricazione delle balette ritrovate finora solamente a Jesi in numero di nove, una a Urbino e sei a Mantova, tre a Palazzo Te e tre nella sagrestia della Basilica Palatina di Santa Barbara e degli strumenti che venivano utilizzati per il gioco nel Rinascimento, ovvero la rachetta - simile a quelle che si usano oggi nel tennis - e lo scanno in legno - antenato degli attuali tamburelli - un tempo in pelle animale ed oggi in plastica sintetica. Il presidente del Club Marco Gilardelli ha inviato un videomessaggio di saluto al convegno: tra il pubblico era presente tra gli altri Giovanna Trillini, pluricampionessa mondiale e olimpica di scherma, uno sport che ha dato a Jesi e all'Italia vittorie e record incredibili.

A fare gli onori di casa, assieme alla vicepresidente del Club delle Balette Carla Saveri, gli amministratori di Jesi, il vicesindaco e assessore alla cultura Luca Butini e l'assessore allo sport Ugo Coltorti, per il comune di Urbino l'assessora allo sport Marianna Vetri.

Nel suo intervento Cartapati ha portato il saluto dell'assessore allo sport del Comune di Mantova Paola Nobis e del delegato provinciale del Coni Giuseppe Faugiana per conto del quale ha consegnato a Carla Saveri un gagliardetto. Ha ricordato altresì che quelle balette sono anche le antenate delle palline attuali per il gioco della palla tamburello, che ha origini antiche.

Cartapati ha anche avanzato una proposta, quella di tenere una delle prossime riunioni del Club delle Balette a Mantova, presso la Basilica di Santa Barbara dove le stesse sono conservate e dove, tra l'altro, a turno lo stesso Cartapati svolge servizio per l' apertura assieme ad altri volontari del Touring Club. Ha garantito per questo di portare tale proposta all'attenzione della nuova amministrazione comunale che uscirà dalle imminenti elezioni locali.

Il Club delle Balette si è formalmente costituito nel marzo 2019 con sede a Jesi, ne è presidente onorario lo stesso ispiratore Gianni Clerici, presidente effettivo Marco Gilardelli e vicepresidente Carla Saveri. Ne fanno parte le tre città italiane, le uniche finora in cui sono state trovate le balette:  Jesi, Urbino e Mantova. Il Comune di Mantova ha dato il proprio patrocinio all'iniziativa.