Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Federazione

Aggiornamento del Protocollo di sicurezza per lo svolgimento del Tamburello

La Federazione Italiana Palla Tamburello,

Visto il DPCM dell’11 giugno 2020 il quale prevede che “a decorrere dal 25 giugno 2020 e' consentito lo svolgimento anche degli sport di contatto nelle Regioni e Province Autonome che, d'intesa con il Ministero della Salute e dell'Autorità di Governo delegata in materia di sport, abbiano preventivamente accertato la compatibilità delle suddette attività con l'andamento della situazione epidemiologica nei rispettivi territori, in conformità con le linee guida di cui alla lettera f per quanto compatibili

Visto il DPCM del 14 luglio 2020, il quale proroga fino al 31 luglio 2020 le misure di cui al DPCM del 11 giugno 2020

Preso atto di quanto contenuto nella scheda “Proposta alla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome per la ripresa degli sport di contatto e squadra” n. 20/116/CR4/COV19.C6 del 25 giugno 2020

vista la delibera del Consiglio dei Ministri del 31.1.2020 con la quale è stato dichiarato, per 6 mesi, lo stato di emergenza sul territorio nazionale, prorogando lo stesso fino al 15 ottobre p.v.

Visto il PROTOCOLLO FIPT emanato con Delibera n.20 del Consiglio Federale del 23/05/2020

In data 01/08/2020 con Delibera del Consiglio Federale n. 30.2020

 

EMANA

 

L'aggiornamento del Protocollo - il quale è un’espansione del precedente - al fine di regolamentare lo svolgimento degli incontri delle varie discipline praticate nell’ambito della Federazione Italiana Palla Tamburello, sia in forma amichevole, sia di carattere ufficiale.

Il presente protocollo, pertanto, integra quello già approvato. 

Per tutto quanto non affrontato nel presente si fa quindi riferimento a quanto statuito nel precedente Protocollo.

Eventuali contrasti tra i due protocolli vanno risolti applicando quanto contenuto nel presente, pubblicato in data successiva, che recepisce le evoluzioni normative intercorse successivamente all’emanazione del precedente Protocollo.

Per leggere l'aggiornamento del protocollo, clicca qui