La Federazione Italiana Palla Tamburello,

VISTO il D.L del 23 febbraio 2020 e successive ordinanze del Ministro della Salute in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 (coronavirus)

CONSIDERATO che l’OMS ha dichiarato l’epidemia da Covid-19 un’emergenza di rilevanza internazionale

PRESO ATTO del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) del 4 marzo 2020

CONSIDERATO CHE restano consentiti eventi, competizioni e sedute di allenamento degli atleti agonisti all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all’aperto senza la presenza di pubblico fino al 03 Aprile 2020 

CONSIDERATO l’imminente inizio dei prossimi campionati Open e Muro di massima serie e di Serie B, C e D Open

METTENDO IN PRATICA quanto disposto da Coni e Governo

DISPONE

di SVOLGERE gli incontri di Serie A, B, C e D Open maschili e di Serie A muro in programma fino al 3 aprile p.v. incluso a PORTE CHIUSE.

Si raccomanda, quindi, di adottare misure organizzative tali da garantire il regolare svolgimento degli incontri e di consentire l’accesso al campo di gara solo ai componenti delle squadre che sono riportati sulla distinta di gara (atleti, tecnico, dirigenti e medici sociali), al personale tecnico che la società ospitante necessità per far svolgere l’incontro e agli arbitri designati dalla Commissione Tecnica Arbitrale.

Tali provvedimenti danno applicazione a tutte le prescrizioni provenienti dal Governo e dagli Organi competenti e, a titolo preventivo, recepisce in forma restrittiva anche tutti i suggerimenti provenienti dalle autorità sanitarie ed amministrative a livello centrale e locale. Si invitano, quindi, tutte le società e gli addetti che operano a vario titolo nei territori interessati ad agire, per le rispettive competenze, con la massima cautela e nel rispetto di tutte le indicazioni del caso.

Resta inteso che in caso di ulteriori disposizioni e/o limitazioni da parte del Governo o, eventualmente, da parte dei Comuni che gestiscono i campi di gioco interessati, la Federazione, unitamente alle società, valuterà le soluzioni da adottare.

Al fine di garantire, poi, la sicurezza degli addetti ai lavori, degli atleti, tecnici e dirigenti – iscritti a referto - impegnati negli incontri si riportano a seguire alcuni suggerimenti della FMSI (Federazione Medico Sportiva Italiana) su alcune semplici norme igienico-sanitarie, da considerare da parte delle società e dei custodi degli impianti sportivi sia negli spogliatoi, sia nei locali comuni e nei servizi igienici degli impianti, atte a prevenire la diffusione del coronavirus durante le gare e negli allenamenti.

Tali norme vanno esposte ben visibili a tutti e rispettate non solo dagli atleti, ma anche da accompagnatori, arbitri, allenatori, dirigenti, massaggiatori e addetti ai lavori che avranno diritto ad accedere all’interno del campo da gioco.

  • Non bere dalla stessa bottiglietta/borraccia/bicchiere né in gara né in allenamento, utilizzando sempre bicchieri monouso o una bottiglietta nominale o comunque personalizzata, e non scambiare con i compagni altri oggetti (asciugamani, accappatoi, ecc.).
  • Evitare di consumare cibo negli spogliatoi.
  • Riporre oggetti e indumenti personali nelle borse, evitando di lasciarli esposti negli spogliatoi.
  • Buttare subito negli appositi contenitori i fazzolettini di carta o altri materiali usati come cerotti, bende, ecc.
  • Lavarsi accuratamente le mani il più spesso possibile: il lavaggio e la disinfezione delle mani sono decisivi per prevenire l’infezione. Le mani vanno lavate con acqua e sapone per almeno 20 secondi e poi, dopo averle sciacquate accuratamente, vanno asciugate con una salvietta monouso; se non sono disponibili acqua e sapone, è possibile utilizzare anche un disinfettante per mani a base di alcol al 60%
  • Servizi igienici: Evitare, nell’utilizzo di servizi igienici comuni, di toccare il rubinetto prima e dopo essersi lavati le mani, ma utilizzare salviette monouso per l’apertura e la chiusura dello stesso.
  • Dispenser e disinfettante: Favorire l’uso di dispenser automatici con adeguate soluzioni detergenti disinfettanti, sia negli spogliatoi, sia nei servizi igienici.
  • Non toccarsi gli occhi, il naso o la bocca con le mani non lavate.
  • Coprirsi la bocca e il naso con un fazzoletto -preferibilmente monouso- o con il braccio, ma non con la mano, qualora si tossisca o starnutisca.
  • Arieggiare tutti i locali il più spesso possibile.
  • Disinfettare periodicamente tavoli, panche, sedie, attaccapanni, pavimenti, rubinetti, docce e servizi igienici con soluzioni disinfettanti a base di candeggina o cloro, solventi, etanolo al 75%, acido paracetico e cloroformio.
  • Invitare le persone che manifestano sintomi di infezione respiratoria in atto e/o febbre ad abbandonare immediatamente i locali e avvisare il medico sociale e/o il responsabile medico della federazione oppure chiamare il Numero Verde 1500 del Ministero della Salute operativo 24 ore su 24.
  • Per chi non fosse ancora vaccinato contro l’influenza fare il più rapidamente possibile il vaccino antiinfluenzale, in modo da rendere più semplice la diagnosi e la gestione dei casi sospetti.
  • Informarsi dagli atleti e dal personale societario se ci sono stati eventuali contatti in prima persona o all’interno del proprio ambito familiare con persone rientrate dalla Cina o da altri paesi a rischio o in quarantena.
  • Lo screening medico-sportivo: Utilizzare la visita medico-sportiva quale fondamentale strumento di screening, attraverso un’attenta anamnesi ed esame obiettivo per l’individuazione di soggetti potenzialmente a rischio immunitario o con sintomatologia.
  • I medici sociali: Con riferimento ai Medici Sociali la FMSI ha istituito un collegamento diretto e indirizzi di posta elettronica specifica per tutti i Medici Federali, che sono il punto di riferimento delle Società e degli Atleti, per un più efficace coordinamento delle informazioni grazie alla linea diretta fra Ministero della Salute, Ministero dello Sport, Coni e FMSI.
  • Niente premiazioni: Evitare premiazioni o altre forme di contatto con il pubblico (es. club o manifestazioni varie)
  • Evitare i tifosi: Uscire dal campo di gioco evitando contatto fisico con eventuali tifosi all’esterno dell’impianto di gioco.

La FIPT, ricorda che, di raccordo con il CONI e le Autorità competenti, segue con la massima attenzione l’evoluzione degli eventi e terrà in costante aggiornamento i propri tesserati, comunicando tempestivamente ogni novità inerente le attività federali.

Cordiali saluti.

Il Presidente della CTF                                                                      Il Presidente Federale

F.to Roberto Caranzano                                                                    F.to Edoardo Facchetti

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Allegato:

Per leggere il DPCM del 04.03.2020 completo, clicca qui

*****************************************************************

Per leggere la circolare per la Serie A e B Open e Serie A Muro - già inviata agli interessati - in formato .pdf clicca qui

Per leggere la circolare per la Serie C e D Open - già inviata agli interessati - in formato .pdf clicca qui

Per visionare il video di Palazzo Chigi circa le dichiarazioni alla stampa fatte dal Presidente Conte e dal Ministro dell’Istruzione Azzolina clicca qui 

Per visionare il video di Palazzo Chigi circa la Comunicazione ufficiale del Presidente Conte clicca qui