Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Federazione

PROGETTO PALESTINA "TERRE DI TOSCANA, STRUMENTI PER LA PACE" TORRITA PORTA IL TAMBURELLO

Lo Sport del Tamburello come strumento di pace

 

Nell'ambito del progetto di cooperazione internazionale a favore dei giovani palestinesi
denominato "Terre di Toscana, strumenti per la pace", una delegazione in rappresentanza dei Comuni di Torrita di Siena, Abbadia San Salvatore, Chianciano Terme, Montepulciano, Sinalunga e di altre organizzazioni umanitarie promotrici dell'iniziativa si è recata in Palestina, nel periodo dal 25 aprile al 1° maggio, per incontrarsi con i responsabili dell'Ufficio per lo Sviluppo della Cooperazione presso il Consolato Generale Italiano di Gerusalemme e con i rappresentanti del Comune di Doma (distretto di Hebron), del Campo Profughi di Azza (distretto di Gerusalemme Est) e di alcune istituzioni scolatiche. I Comuni della Valdichiana erano rappresentati dal Vice Sindaco di Torrita di Siena Paolo Malacarne, che è anche membro della Commissione Tecnica Federale della F.I.P.T. Nel corso della visita è stato verificato lo stato di attuazione di alcuni progetti specifici già in atto come un corso di formazione in clown terapia a favore degli operatori e volontari del Caritas Baby Hospital di Betlemme, la realizzazione di due laboratori di musica dotati di strumenti musicali e materiale didattico, un corso di formazione per allenatori di basket e calcio. Tra le nuove iniziative è stato presentato un progetto specifico riguardante lo sport della Palla Tamburello, sostenuto dalla Federazione e dal Presidente Crosato, che ha ricevuto l'apprezzamento del Consolato Italiano di Gerusalemme, in quanto, per la limitata difficoltà nell'attrezzare un campo di gioco e per la facilità di apprendimento, è sembrato inserirsi perfettamente nelle varie iniziative tese a togliere dalla strada molti giovani palestinesi, destinati ad un futuro di emarginazione anche per la mancanza di strutture culturali e ricreative che favoriscano la socializzazione. Nell'occasione è stata consegnata al Console una lettera del Presidente del C.O.N.I., Petrucci, in cui si esprime l'apprezzamento e l'appoggio dello sport italiano all'iniziativa. Ai responsabili del centro culturale del campo profughi di Azza sono stati consegnati tamburelli e palline. E' stata effettuata anche una dimostrazione di giuoco con i giovani italiani partecipanti allo scambio culturale, a cui si sono uniti i ragazzi e le ragazze palestinesi del campo profughi. Un primo intento dell'iniziativa è quello di consentire nel prossimo futuro a giovani palestinesi di venire in Italia a disputare alcune partite ed inserire questa disciplina nel complesso delle attività finalizzate allo scambio interculturale fra le nuove generazioni italiane e palestinesi. Il prossimo appuntamento è a Torrita di Siena dal 13 al 19 giugno per la "Settimana della pace del dialogo e della musica 2009" nell'ambito della quale sarà disputato un incontro di tamburello dimostrativo a cui parteciperanno anche i giovani palestinesi in visita nel nostro paese.