Specialità

logo-frc

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Il gioco del tamburello in campo coperto ebbe momenti di grande successo negli anni '30 e, successivamente, negli anni '50.
Praticamente scomparso dagli anni '60, la F.I.P.T. con grande impegno ha rilanciato la specialità in maniera incisiva dal 1980.
Nato ufficialmente nel 1934, era legato ad un sistema di scommesse e giocato in sferisteri coperti con totalizzatori, in particolare a Milano, Torino, Roma, Genova, Savona, Bologna e Firenze con grande successo di pubblico e di affari, fino a superare - in particolare nel dopoguerra - per interesse del pubblico e rilievo sulla stampa - il gioco all'aperto. Anche se non si disputarono mai campionati d'Italia ufficiali, per una decina d'anni il Torneo degli assi radunò a Genova, nello sferisterio coperto del Lido, il meglio del tamburello indoor.
Chiusi gli sferisteri coperti alla fine degli anni '50, si riprese ad organizzare il Campionato di Tamburello indoor di Serie A nel 1987, dopo le positive esperienze fatte a livello giovanile, per l'esigenza di dare continuità nel periodo invernale a questo sport, per evitare la caduta di interesse durante tale periodo, con la riconferma di avere a disposizione un nuovo, diverso modo di giocare a tamburello, altrettanto affascinante.
Teatro di questo ritorno al chiuso sono oggi le palestre normalmente utilizzate per altri sport e, quindi, di dimensioni notevolmente ridotte (massimo m. 34x15). Ciò comporta la necessità di utilizzare, con il tamburello tradizionale, palline particolari del peso massimo di 42 grammi.
Dal 1987 si disputano anche campionati italiani indoor maschili e femminili e la F.I.P.T. è impegnata a sviluppare questa attività anche a livello internazionale.
La prima Coppa Europa indoor è stata disputata nell'ambito dei Giochi del Mediterraneo che hanno avuto luogo a Montpellier nel 1993 con la vittoria dei campioni d'Italia del Bagnacavallo, davanti a svizzeri e francesi.
Il successo internazionale ottenuto da questa straordinaria variante del gioco classico, in questa dimensione ridotta e più facile da apprendere dal punto di vista tecnico, è particolarmente apprezzata all'estero e nelle scuole. Attualmente tutta l'attività sportiva scolastica di palla tamburello (Giochi della Gioventù, Giochi Sportivi Studenteschi e GiocoSport) si pratica nella specialità indoor.
Il Regolamento Internazionale del Tamburello Indoor, varato nel 1994 dalla Fédération International de Balle au Tambourin, ha avuto diversi aggiornamenti, l'ultimo dei quali nel 2013.